Attenzione alla fase raminga nei giovani uccelli!

31350298_1637663639604963_2550632789053538304_n

La stagione di nidificazione di diverse specie è già iniziata, in questo periodo ci capita di sovente che ci contattino in seguito al ritrovamento di giovani uccelli raminghi. Molte persone erroneamente pensano che, siccome questi uccellini non volano, abbiano qualche grave problema, in realtà semplicemente devono ancora imparare a farlo.

Lasciare il nido e iniziare ad esplorare l'ambiente circostante, facendo i primi piccoli voli e imparando dai genitori dove trovare il cibo e quali sono i pericoli del loro habitat è per molte specie la normalità.


È quindi fondamentale non portarli via dal loro ambiente naturale, a meno che non siano feriti. Hanno migliori chance di sopravvivenza, se sono seguiti dai loro genitori!

Se li trovate in luoghi pericolosi, vicino a strade o in zone piene di gatti potete spostarli, anche a mani nude, di qualche metro (non più di 10 metri) e metterli in sicurezza, ad esempio al riparo in una siepe.

Nelle immagini trovate una specie che ha la fase raminga, il Merlo, nelle sue diverse fasi di sviluppo:

Nidiaceo che dovrebbe ancora stare nel nido: non scappa se vi avvicinate, sembra spennacchiato perché non ha tutto il piumaggio completo.
Ramingo: piumaggio che ricopre completamente il corpo, la coda è corta, saltella e svolazza. Se vi avvicinate non ha la naturale ritrosia che hanno gli adulti, scapperà con meno convinzione.
Giovane autosufficiente: piumaggio completo, coda lunga, comportamento schivo. E’ già in grado di volare.

Tutti gli uccelli hanno una fase raminga?

NO, non tutti, bisogna prestare attenzione ed aiutare immediatamente i piccoli delle specie che non hanno questa fase di apprendimento a terra.

Casi in cui bisogna intervenire:

  • Quando l’uccellino è ancora nudo o con poche piume
  • Quando trovate un intero nido caduto o riuscite a scorgerne i resti, con dentro le uova o i piccoli.
Se vedete dei piccoli di specie acquatiche come il germano o la folaga vagare da soli senza i genitori. Senza la protezione e la guida della madre non possono sopravvivere.
Se trovate per terra un piccolo di Rondine, Balestruccio o Rondone, va soccorso immediatamente! Queste specie non hanno una fase raminga, una volta a terra non vengono più nutriti dai genitori e sono destinati a morire di fame o a essere predati.

Se necessario raccogliete l'uccello e contattateci immediatamente allo 078 956 41 38, qui vi offriremo le indicazioni specifiche per risolvere la situazione. Se siete in dubbio non esitate comunque a contattarci, siamo sempre disponibili per aiutare.

FESTIVAL INTERNAZIONALE DEI RONDONI: “Le storie de...
Workshop - Come comportarsi in caso di ritrovament...