ALIMENTARE GLI UCCELLI ACQUATICI
Ecco perché non é un bene

Questa coppia di cigno nidifica sulle sponde del Lago Maggiore in un'area cittadina. Le persone spesso si avvicinavano disturbando la cova, provando a toccare i cigni, offrendo pane e altri alimenti per la maggior parte non idonei e acqua.

I cigni, i germani e le folaghe sono solo alcune delle bellissime specie di uccelli acquatici che popolano i nostri laghi.

 

Queste specie sono fra le più comuni e le più confidenti con l'uomo. Esse si alimentano principalmente di piante acquatiche, alghe, foglie, insetti, semi ed erba che brucano sulle rive.

La maggior parte delle persone, agendo in buona fede, offre pane o altri avanzi pensando siano idonei per l'alimentazione. È importante però sapere che, agendo in questo modo, ci sono delle conseguenze molto serie per la loro salute!

Il cibo accumulato nel nido attirava topi e altri uccelli che infastidivano la coppia e i nidiacei. Nel corso degli anni diversi pulcini hanno subito aggressioni da parte di cani e sono stati male o sono morti a causa degli alimenti ingeriti.

E' stato necessario proteggere il nido con transenne e reti oscuranti.

IL PANE NON È UN ALIMENTO IDONEO PERCHÉ È MOLTO POVERO DI NUTRIENTI!

Comportandosi così si espongono gli uccelli a:

  • PROBLEMI NUTRIZIONALI: aumento spropositato di peso, problemi di sviluppo del piumaggio (difficoltà nella termoregolazione) e dello scheletro (difficoltà nella deambulazione).

  • MALATTIE/LESIONI: infezioni del tratto gastro-intestinale (a causa dell’alimentazione scorretta), lesioni alle zampe (prolungato contatto con l’asfalto quando vengono attirati fuori dall'acqua), lacerazione dello stomaco (soprattutto nei piccoli a causa della dilatazione del pane combinato all'acqua). Il pane ammuffito provoca serie intossicazioni e infezioni che possono decimare intere colonie.​​

A sinistra ferite croniche sotto le zampe di un individuo di meno di un anno abituato ad andare alla ricerca di cibo fornito dagli umani camminando a lungo sull'asfalto.

Queste ferite causano zoppie, difficoltà di movimento può arrivare al punto di impedire all'animale di alzarsi. 

Inoltre a volte possono infettarsi causando febbre e infezioni sistemiche che possono anche portare gli individui alla morte.

A destra zampa di un cigno adulto residente in un territorio meno antropizzato abituato a procacciarsi il cibo autonomamente

  • DIPENDENZA DALL'UOMO: perdono l’istinto naturale e la paura dell’uomo. Vagano per le vie della città perdendo l’orientamento e rischiando di essere vittime di incidenti o sostano a lungo presso ristoranti e bar, rubando il cibo e spaventando le persone. I piccoli non imparano a cercarsi il cibo autonomamente.

 

  • AUMENTO ECCESSIVO DELLA POPOLAZIONE: diminuzione della disponibilità di alimenti e dello spazio libero che sfocia in una maggior competizione fra gli individui, i quali diventano molto aggressivi fra loro per ottenere più cibo.

Famiglia di cigni segnalata diverse volte nelle vicinanza di strade o rimesse di barca

Giovane femmina di Germano reale gravemente ferita dopo essere stata assalita da un gruppo di maschi nel tentativo di accoppiarsi.

In questa specie è un comportamento abbastanza comune. Quando la femmina è giovane e non ha ancora un compagno che allontana da lei gli altri maschi. 

L'aumento spropositato del numero di individui però sfocia in una maggiore aggressività e spesso le femmine rimangono gravemente ferite. 

Le lesioni interne possono anche portarla alla morte.

Dowload:

Cartello Amate gli uccelli acquatici?

Allora non dategli pane ne va della loro salute.

Potete scaricare e divulgare.

APUS 

Associazione Protezione Uccelli Selvatici

© 2020 APUS